Sta arrivando la stagione delle vacanze, delle lunghe giornate in spiaggia e delle camminate in montagna faticose ma che ti riempiono di soddisfazione, una volta raggiunta la vetta.

C’è un’unica cosa che può rovinare tutto questo divertimento: una scottatura da esposizione al sole.

Come si può evitarla? Ovviamente utilizzando la protezione solare perfetta per te e nella quantità giusta.

In questo articolo ti spiegherò tutto quello che dovresti sapere sulla protezione solare, sul suo modo d’uso e sul come sceglierla al meglio.

Continua a leggere per scoprire tutti i segreti di questo fantastico prodotto!

Perché la protezione solare è importante?

“Oddio, mi sono dimenticata di mettere la crema solare!”

Questa è la celebre frase che si pronuncia quando ormai è troppo tardi e l’esposizione al sole ci ha già bruciacchiate.

Ma perché utilizzare la protezione solare è così importante? Ovviamente per non incorrere in fastidiose bruciature, ma anche per altri motivi che andremo ora ad elencare insieme.

I raggi del sole, in particolare quelli ultravioletti (d’ora in poi UV), sono dannosi per le cellule, perché provocano danni permanenti.

Fra questi sono inclusi l’invecchiamento precoce, l’affiorare di fastidiose rughe e macchie, perdita di elasticità, causata dall’attività dei radicali liberi e alla minore quantità di collagene.

Questi sono solo alcune conseguenze dell’esposizione ai raggi UV, ma ne esistono anche di più pericolose, come la formazione di tumori della pelle. Questo accade perché questi raggi causano mutazioni genetiche, che danno vita a carcinomi e melanomi.

Come si sceglie la crema solare?

È importante scegliere la crema solare corretta per la nostra pelle. Qui vale lo stesso principio che si utilizza per le creme viso e corpo: per ogni inestetismo c’è una crema specifica da utilizzare per far si che migliori.

Ovviamente la protezione solare, come le creme viso e corpo, esiste in diverse texture: spray, olio, mousse e crema.

La texture spray, ovviamente, è la più scelta dalle persone dinamiche e che hanno fretta di mettere la protezione solare. Questa è la scelta ideale se ami il movimento sotto al sole e sei una persona impaziente.

Attenzione: la vaporizzazione, ovviamente, è meno precisa del tocco della mano e la direzione del vento potrebbe compromettere la corretta diffusione del prodotto.

L’olio, invece, è sconsigliato nel caso di temperatura troppo alta perché surriscalda la pelle ostacolando la traspirazione. Consiglio la scelta di questa texture se il clima è asciutto e ventoso.

La mousse, invece, è adatta alle pelli delicate e naturali. Le micro bolle d’aria, infatti, rendono questa texture particolarmente adatta a pelli secche, ma non a quelle grasse nella zona “T”. Attenzione alle quantità: la texture trae in inganno, quindi meglio utilizzarne sin da subito in una quantità maggiore.

La classica crema è adatta per le più pazienti e, in particolare, per chi ha bisogno di idratazione nelle zone più delicate. La protezione solare sotto forma di crema è ricca di componenti lipidiche che aiutano a rendere la pelle idratata, liscia, elastica e protetta sia dai raggi UV che dalla disidratazione. Ovviamente per essere assorbita bene, deve essere spalmata accuratamente, ecco perché è la più adatta alle persone pazienti.

Oltre alle texture, tengo a parlarti anche di un formato particolare: quello in stick.

Questo formato, infatti, è il più adatto per le zone delicate, che si danneggiano facilmente se colpite dai raggi UV come viso, collo e décolleté. Fra tutti gli stick ti consiglio l’SPF 50 di Diego Dalla Palma, trasparente e che non lascia traccia.

spf stick diego dalla palma

Come si sceglie, quindi, la protezione solare? In base alle tue personali esigenze e gusti: la texture, se gradevole, invita proprio all’utilizzo del prodotto.

Quanta protezione solare si deve applicare?

Uno dei più grandi errori che si possano fare in materia di protezione solare è rappresentato proprio dalla quantità di crema solare applicata.

L’efficacia della protezione solare, infatti, dipende per lo più dall’applicazione corretta del prodotto. Nella maggior parte dei casi, infatti, ne mettiamo troppo poco, presi dalla foga di rilassarci in spiaggia.

Inoltre, il passaggio della crema solare sul nostro corpo deve essere effettuato seguendo alcuni criteri, che la renderanno davvero efficace.

Uno studio condotto dal King’s College di Londra, infatti, ha constatato che le persone ricevono solo il 40% della protezione SPF a causa di una quantità errata di prodotto. Questo significa che la protezione sembra essere minore in assenza di un sufficiente quantitativo.

Per godere di tutti i benefici dati dall’SPF, infatti, è necessario applicare circa 2 milligrammi di prodotto ogni centimetro quadrato del corpo. Questa quantità, sempre secondo lo studio, sarebbe il doppio di quella mediamente applicata dalla popolazione.

Gli urban SPF

Ovviamente se parliamo di mare, i solari sono da tutti super consigliati e acquistati, ma sai che sarebbe bene utilizzare l’SPF anche quando si esce a fare delle commissioni in città?

Me l'avrai sentito dire spesso nei canali social: l'SPF si dovrebbe utilizzare tutto l'anno.

Esistono, infatti, delle protezioni solari “urban”, ovvero dedicate all’utilizzo in città e progettate proprio per questo dalle case cosmetiche.

Fra gli urban SPF se ne trovano tantissimi in versione colorata, perfetti per sostituire il fondotinta.

Quali sono i migliori secondo me? Scoprilo nella mia selezione!

Non sai che solare scegliere e come utilizzarlo al meglio per trascorrere delle vacanze in tranquillità?

Allora ho la soluzione per te: la mia Consulenza Sun!

Come fare per prenotarla? Inviami una mail e chiedimi maggiori informazioni!

P.S. il prezzo è davvero piccolo piccolo, non lasciarti scappare questa fantastica occasione!

protezione solare spf

Stai cercando il miglior contorno occhi per te, ma non sai da dove partire?

In questo articolo oggi ti parlerò dei criteri da seguire per sceglierlo, senza errori!

Ti avviso: sarà un prodotto a cui non riuscirai più a rinunciare!

Perché la zona contorno occhi è così delicata?

Potevo io, come beauty coach, tralasciare una piccola spiegazione sull'importanza di prestare attenzione a questa zona? Assolutamente no, ecco perché ora mi soffermerò su qualche punto chiave.

A differenza di altre zone del viso, quella perioculare presenta una cute molto più sottile, di soli 0,3 mm. Questo perché nella parte sottostante non presenta il grasso sottocutaneo, ci sono pochissime ghiandole sebacee e sudoripare e l'irrorazione è minore rispetto ad altri tessuti.

Non essendoci questi elementi, il tessuto è più sottile e, di conseguenza, più esposto a rischi.

In questi ultimi due anni, inoltre, la nostra pelle è stata particolarmente minata e indebolita dall'utilizzo della mascherina. Quest'ultima, infatti, impedisce la corretta traspirazione e, anche solo tramite la respirazione, si sfrega continuamente sul viso, causando grandi irritazioni, soprattutto nelle zone più "a rischio", come quella perioculare.

Come riportarla al suo splendore? Trovando il miglior contorno occhi per te!

Quando iniziare ad applicare il contorno occhi?

Non prendere troppo "sotto gamba" la faccenda "età che avanza": per assicurarti un viso sempre "fresco" e senza rughe, dovrai farti un bel regalo per i 25 anni, il contorno occhi.

Ovviamente quest'ultimo deve essere inserito nella beauty routine ed applicato due volte al giorno perché sia veramente efficace.

"E se non lo applico?"

Come ti ho detto nel paragrafo precedente, la zona perioculare è molto sensibile. Se non te ne prenderai cura, al raggiungimento dei 30 anni inizierai a notare i primi inestetismi come borse, occhiaie e rughe. Le ultime, in particolare, sono le più difficili da "sanare", poiché dovute ad una diminuzione di utilizzo dei muscoli facciali, che perdono il loro tono.

Qui mi viene in aiuto un vecchio detto, ma sempre vero: prevenire è meglio che curare!

Proprio per questo dovresti iniziare ad utilizzare il contorno occhi a partire dai tuoi 25 anni di età.

Qual è il miglior contorno occhi?

Arrivo ora, cara amica, a dare risposta alla domanda che ti stavi ponendo sin dall'inizio di questo articolo: qual è il contorno occhi che fa per te?

Innanzitutto, devi scegliere la texture corretta per la tua pelle fra emulsione, gel e crema, a seconda della tipologia di inestetismo e della tua età. Se sei già in età più avanzata consiglio sempre la crema, che è di gran lunga più idratante rispetto all'emulsione o al gel. Con il passare degli anni, infatti, la nostra pelle tende a seccarsi, rovinandosi, per questo motivo è importante tenerla idratata.

Oggi ti voglio consigliare alcuni prodotti, per assisterti nella scelta.

Criskin: il contorno occhi che "si sente"

criskin antiage global

Si tratta di un anti-age globale, ovvero una formula che corregge tutti gli inestetismi legati a questa zona, ovvero occhiaie, borse e rughe.

É un'emulsione molto idratante che, dopo l'applicazione, lascia la palpebra umettata, perfetto se ti piace il contorno occhi "che si sente".

Lo puoi trovare nel sito ufficiale e utilizzare il mio codice sconto "cristina10": clicca qui.

Korff: quello studiato per borse ed occhiaie

eye korff

Questo contorno occhi, invece, è stato creato per andare a risolvere due "problemi" principalmente: la presenza di borse e di occhiaie.

Grazie al suo grande potere decongestionante e defaticante ti sarà sicuramente d'aiuto per risolvere questi inestetismi.

Inoltre, rispetto ad altri prodotti, presenta un esclusivo beccuccio in metallo, studiato per effettuare un massaggio che stimola il drenaggio.

Lo puoi trovare nel sito di Korff, cliccando qui.

FaceD: quello dall'effetto immediato!

faced contorno occhi

Se hai le occhiaie e sei una super impaziente, questo è il miglior contorno occhi che fa per te!

Ha una funzione illuminate e correttrice, che andrà a nascondere immediatamente l'occhiaia, grazia ad una leggera colorazione, e, contemporaneamente, la decongestionerà.

Un prodotto fantastico per chi soffre di questo tipo di inestetismo!

Lo puoi trovare nel sito di FaceD: clicca qui!

Skinius: il contorno occhi per tutti

contorno occhi skinius

Se mi segui su Instagram, di sicuro mi avrai sentita parlare di Skinius, un marchio con cui collaboro da lungo tempo.

Rimage è un contorno occhi ha una texture in crema-gel, differente dai prodotti che ti ho mostrato in precedenza. Anche questo, come il primo che ti ho proposto, è un prodotto anti-age globale, che può essere applicato sia al mattino che alla sera. Qusto prodotto aiuta a prevenire e ad attenuare micro rughe, borse, occhiaie e cedimento della palpebra, inoltre ha un’azione antiossidante e rigenerante.

Ti lascio il mio codice sconto "SKNCRV-AL" per acquistarlo nel sito ufficiale cliccando qui.

Come e quando si applica il contorno occhi?

Tengo molto a darti la risposta a questa domanda. Il metodo di applicazione è un concetto su cui mi soffermo molto anche durante le mie consulenze, perché è essenziale per aumentare l'efficacia del prodotto stesso.

Il contorno occhi va applicato due volte al giorno, al mattino e alla sera, in modo costante.

Va inserito all'interno della beauty routine, subito dopo la detersione, ma prima del siero e della crema. Questo per fare in modo che il prodotto crei una barriera nei confronti dei prodotti che si andranno ad applicare successivamente, per salvaguardare questa zona così delicata.

Il contorno occhi in gel deve essere applicato picchiettando, mentre quello in crema può essere steso delicatamente. É importante applicarlo nell'arcata zigomale, senza arrivare troppo sotto l'occhio, e solo sul sopracciglio, non sulla palpebra mobile, dove potrebbe migrare e dare fastidio.

Ti interesserebbe capire come effettuare una buona skin care ma non sai a chi rivolgerti?

Io sono qui disponibile per aiutarti: contattami.

Contattami subito

Compila il form qui sotto, ti risponderò nel minor tempo possibile

    Per prendere visione dell'informativa sul trattamento dei dati personali - Cliccare qui

    +39 338 631 8303
    info@cristinavignali.it
    per collaborazioni: cristina@verticalbe.com
    Design by 
     Angeli Davide Company Make Up e NiFe Agency
    Richiesta Consulenza